Cosa visitare in Sicilia: 12 mete da non perdere

Le 10 mete da vedere in Sicilia

Hai in programma di visitare la Sicilia per il tuo prossimo viaggio o vacanza e stai cercando i posti migliori da vedere? L’isola più grande del mar Mediterraneo ha tutto il necessario per la tua vacanza perfetta!

Spiagge da sogno, vulcani attivi e città ricche di storia sono solo alcune delle cose da mettere in checklist per il tuo viaggio in terra sicula. Senza dimenticare, naturalmente, la favolosa cucina siciliana e la gastronomia considerata tra le migliori al mondo!

Cosa vedere in Sicilia, quindi? Prendi nota allora: ecco la lista delle migliori cose da fare sull’isola. Accompagnata, come sempre, dai nostri consigli per un soggiorno indimenticabile.

Posti da visitare in Sicilia: dove andare?

Quali sono i posti migliori da visitare in Sicilia? Prima di selezionare le mete migliori da vedere, è opportuno pianificare al meglio il tragitto da seguire. La Sicilia è un’isola ricca di bellezze naturali ed estetiche, frutto di una storia che vanta numerose dominazioni. Dagli Arabi ai Normanni, dai Greci ai Fenici, questa terra ha conosciuto diverse culture che hanno lasciato traccia del loro passaggio, soprattutto a livello artistico.

Storia e tradizioni millenarie si fondono con la calorosa accoglienza dei suoi abitanti, caratteristica che renderà più piacevole il tuo viaggio. Vediamo, quindi, cosa vedere in Sicilia ipotizzando un periodo ideale di due settimane, partendo da Palermo e circumnavigando l’Isola in senso orario.

  • Palermo
  • Cefalù
  • Isole Eolie
  • Taormina
  • Catania ed Etna
  • Caltagirone
  • Siracusa e Ortigia
  • Barocco Siciliano: Noto Modica e Ragusa
  • Agrigento e la Scala dei Turchi
  • Marsala e le Saline
  • Trapani ed Erice
  • Isole Egadi

Cosa vedere a Palermo?

Cosa vedere a Palermo? Cattedrale di Palermo

Non possiamo che iniziare questa lista dal capoluogo della Sicilia, Palermo. È una città molto ricca in termini di edifici storici e monumenti ed è il luogo ideale da visitare se ti piacciono chiese e palazzi. Non a caso, la Palermo Arabo-normanna rientra, dal 2015, tra i patrimoni dell’UNESCO (insieme alle cattedrali delle vicine Cefalù e Monreale).

Nella scelta su cosa fare a Palermo, restando in città per uno o due giorni, ti consigliamo di visitare assolutamente, all’interno del Centro Storico:

  • il Palazzo dei Normanni, detto anche Palazzo Reale e utilizzato come sede del Parlamento siciliano. Al suo interno si trova la Cappella Palatina, una basilica del XII secolo in stile siculo-normanno;
  • la Cattedrale di Palermo, edificio imponente caratterizzato da uno stile architettonico che fonde le diverse dominazioni;
  • il Teatro Massimo, il più grande teatro lirico d’Italia e terzo in Europa;
  • i mercati di Ballarò e della Vucciria, i posti migliori per scoprire la gastronomia siciliana.

Tra gli altri posti da vedere a Palermo ci sono anche le Catacombe dei Cappuccini, dove potrai passeggiare tra cadaveri esposti in ottimo stato di conservazione. Uscendo un po’ dal centro, invece, ecco la spiaggia di Mondello e l’omonimo quartiere ricco di ville in stile Liberty.

È impossibile riassumere le bellezze di Palermo in poche righe. Una volta che l’avrai visitata, però, vorrai tornarci ancora e ancora per scoprire i segreti che si celano in tutti i vicoli cittadini. Perché non dare un’occhiata alle proposte immobiliari in vendita qui su Quimmo?

Scopri le migliori soluzioni di case in vendita a Palermo

Cefalù

Cosa vedere a Cefalù?

Cefalù è una meta da non ignorare quando si sceglie cosa vedere in Sicilia. Questo piccolo centro, affacciato sul mare, racchiude numerose bellezze naturali e artistiche. L’ideale scenografia per il perfetto post su Instagram!

La cittadina di Cefalù negli anni è diventata non solo una rinomata località balneare, con la sua spiaggia sabbiosa, ma anche uno dei borghi più belli da vedere in Sicilia. Partendo dal lungomare e addentrandosi tra i vicoli della Cittadella Normanna troviamo il Duomo, uno dei posti da non perdere. Risalendo verso le montagne, a pochi chilometri dal centro cittadino, ecco la Rocca, una roccia calcarea alta 270 metri che garantisce fantastici panorami sul mare.

Tour delle isole Eolie

Tour delle isole Eolie: l'isola di Vulcano

Arcipelago di origini vulcaniche, composto da sette isole principali e altri isolotti minori, le Eolie meritano un tour apposito, anche con un’escursione giornaliera partendo dalla stessa Cefalù o da Milazzo, la città geograficamente più vicina.

L’isola più grande e popolosa è quella di Lipari, famosa per il suo castello e le bellissime calette. Nelle sue immediate vicinanze ecco Vulcano, famosa per le sue fumarole, i getti di vapore e il fango sulfureo, molto apprezzato per le sue proprietà terapeutiche. A pochi chilometri troviamo anche Salina, l’isola con le vette più alte, a ridosso sul mare.

Nella parte occidentale dell’arcipelago troviamo Alicudi e Filicudi, costellate di crateri di vulcani dormienti che conferiscono alle isole un aspetto meravigliosamente selvaggio. A Nord, invece, è possibile visitare Panarea, la più piccola delle Isole e nota sia per le sue eruzioni sottomarine, sia per il grande afflusso di VIP nella stagione estiva oppure Stromboli, forse la più nota. Le sue meravigliose spiagge nere sono tra le attrazioni più visitate, insieme alle ville con vista panoramica. Ecco un’occasione da non perdere su Quimmo!

Taormina

Il Teatro Antico di Taormina

Risalire con la funicolare che da Mazzarò, a pochi passi dall’Isola Bella, porta alla città di Taormina è una delle esperienze più belle da fare in Sicilia. In pochi minuti si viaggia dalla costa ionica fino agli oltre 200 metri, culla della cultura greco-romana.

Per scoprire i principali luoghi d’interesse da vedere a Taormina, percorri il Corso Umberto, che è la via principale. Qui troverai il Duomo di Taormina, la cattedrale dedicata a San Nicola di Bari risalente al XIII secolo e Piazza IX Aprile, la più importante della città, da cui si gode di una vista fantastica.

I panorami più suggestivi, però, sono visibili da due specifici location. Uno è il celebre Teatro Antico di Taormina, d’epoca greca ma ristrutturato in stile romano, dal quale nelle giornate limpide è possibile vedere le coste della Calabria meridionale. Per l’altro, invece, è necessario salire ancora verso il Santuario della Madonna della Rocca. Luogo di banditi e malviventi in origine, fu scelto da un francescano per collocarvi un’edicola votiva che ne ha cambiato la storia.

Catania ed Etna

L'Etna in eruzione

Centro intorno al quale si sviluppa la parte orientale dell’isola è Catania, città che merita almeno un giorno del viaggio, magari partendo proprio da qui grazie alla vicinanza dell’Aeroporto Internazionale. Le ricchezze della città si scoprono camminando lungo le strade dominate dal maestoso Etna, la vetta più alta dell’intera Sicilia.

Proprio il vulcano, sito a meno di 20 chilometri da Catania e da qui facilmente raggiungibile, è una delle attrazioni principali e rientra sembra ombra di dubbio tra le cose da vedere in Sicilia. Partendo dai Crateri Silvestri, a pochi passi dal rifugio Sapienza, è possibile risalire a piedi o in funivia verso quelli più alti.

Il percorso cittadino, invece, non può non prevedere una passeggiata sulla via Etnea fino a Piazza Duomo, caratterizzata dalla Fontana dell’Elefante, vero e proprio simbolo di Catania. Inoltre, andando verso Sud-Ovest, puoi fare tappa a Caltagirone, dove si trova la scalinata in ceramica di Santa Maria del Monte (oltre 150 gradini!), uno degli angoli più suggestivi dell’intera provincia.

Siracusa e Ortigia

Le strade di Ortigia

Sulla costa orientale della Sicilia si trova la città di Siracusa e l’incantevole Isola di Ortigia, ultimo spicchio di terra verso il mare e parte più antica del centro abitato.

Il fascino di Ortigia si perde tra i vicoli cittadini e le sue attrazioni imperdibili, come le rovine del Tempio di Apollo, la splendida Piazza del Duomo o il Castello Maniace, imponente fortezza affacciata sul mare.

Nella parte più moderna della città di Siracusa c’è un’attrazione da non perdere: il parco archeologico della Neapolis. Al suo interno troviamo l’Anfiteatro Romano, l’Orecchio di Dionisio e l’imponente Teatro Greco, che con i suoi 15.000 posti è il più grande del suo genere in Italia. Un’occasione unica, nel mese di maggio, è la possibilità di vedere al suo interno alcune rappresentazioni in chiave moderna delle antiche tragedie greche.

Noto, Modica e Ragusa: la culla del Barocco Siciliano

Noto

Celebri per gli esempi di architettura barocca e tra le mete assolutamente da visitare in Sicilia ecco le città di Noto, Modica e Ragusa, parte del complesso della Val di Noto i cui centri storici sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

La particolarità di questi centri è la struttura architettonica unica al mondo, dovuta alla ricostruzione pressoché integrale avvenuta nel 1693 a seguito di un violento terremoto. Lo stile del tardo Barocco Siciliano è visibile nella Cattedrale di Noto, in pietra calcarea bianca o nelle strutture architettoniche che caratterizzano la città di Ragusa, in particolare la parte più antica (Ragusa Ibla). Modica, invece, regala non solo bellezze artistiche ma anche gastronomiche, come il famoso Cioccolato di Modica, la cui caratteristica principale è la presenza di gradevoli granuli di zucchero al suo interno.

Agrigento e la Scala dei Turchi

La Scala dei Turchi

Se cerchi un’esperienza indimenticabile, dal richiamo greco, non puoi non visitare Agrigento e il sito archeologico della Valle dei Templi. La città, sorta sulle rovine della città antica di Akragas (o Acragante), si trova su una collina, in una posizione panoramica rispetto al mare e si affaccia proprio sulla Valle dei Templi, dove si trovano numerosi templi greci, alcuni dei quali in stato di conservazione avanzato. Rientrano, senza dubbio, tra le cose da vedere in Sicilia.

Vicinissima ad Agrigento troviamo la Scala dei Turchi, complesso roccioso in marna bianca a strapiombo sul mare. Il suo curioso nome è legato al fatto che era un regolare punto di approdo di pirati saraceni e arabi, i quali trovavano qui il perfetto nascondiglio per le loro barche. A proposito di barche: è consigliabile noleggiarne una in orario tramonto, per godersi l’immagine mozzafiato del sole che si nasconde all’orizzonte al riparo delle rocce bianche.

Marsala e le Saline

Marsala e le saline

Un altro tramonto imperdibile è quello sulle Saline di Marsala, che presentano esempi di flora e fauna unici in Sicilia. Usciti dalla città di Marsala, percorrendo la Via del Sale si arriva direttamente alle Saline dello Stagnone, un luogo incantato parte di una riserva naturale. Qui è possibile vedere una vegetazione unica nel suo genere, i fenicotteri rosa e uno spettacolo particolare quando il sole cala a picco sul mare, donando alle vasche della salina differenti colori. Al largo delle saline è possibile visitare la caratteristica Isola di Mozia e i suoi vigneti, appartenenti alla Fondazione Whitaker.

Puoi decidere di fermarti per strada, scattare qualche foto o imbarcarti al largo per godere di un panorama differente. Si tratta di luoghi dei quali non è difficile innamorarsi, da visitare nella gita in Sicilia per poi – magari – restare a lungo, comprando casa per viverci o per soggiornarci lungo le vacanze. Che ne dici di controllare le proposte immobiliari di Quimmo?

Scopri le case in vendita a Marsala su Quimmo!

Trapani ed Erice

Castello di Erice

La città di Trapani è un punto di partenza ideale per almeno 4 interessanti attrazioni sicule:

  • Il tempio di Segesta, di epoca greca, che sorge su una collina dell’entroterra, nel comune di Calatafimi;
  • il borgo medievale di Erice, che sorge su una rupe rocciosa a 750 m di altitudine, a pochi chilometri dal mare e da Trapani, visibile in maniera splendida dal Castello di Erice;
  • San Vito Lo Capo, celebre località marittima, e la Riserva Naturale dello Zingaro;
  • un viaggio alle Isole Egadi, dove l’acqua azzurrissima si fonde con le bellezze del posto.

Isole Egadi

Isola di Levanzo

Da Trapani, in traghetto o in aliscafo, si può partire per una gita di un giorno verso le Isole Egadi. Levanzo, Favignana e Marettimo sono tutte mete ideali per lunghe passeggiate e pause bagno in bellissime calette. In tutti e tre i casi, è consigliabile lasciare l’auto nei pressi del porto e avventurarsi in mezzo alla natura, magari noleggiando una bicicletta!

Gran parte delle attrazioni si concentrano sull’isola di Favignana, sede comunale dell’arcipelago. Imponente e da visitare è la vecchia tonnara appartenente alla famiglia Florio, mentre se preferisci immergerti tra il verde della natura e il blu del mare puoi raggiungere senza particolari difficoltà le diverse cale dell’isola.

Altre mete da visitare in Sicilia

Una volta che hai deciso cosa vedere in Sicilia nel corso della tua vacanza, se hai tempo, puoi aggiungere delle tappe intermedie. Ne elenchiamo alcune a titolo esemplificativo:

  • le alture del Parco delle Madonie, a una manciata di chilometri da Cefalù, regalano panorami unici. Piano Battaglia, in particolare, è una delle poche località attrezzate sia per gli sport invernali, sia per lunghe passeggiate estive;
  • Tra Siracusa e la Val di Noto troviamo le suggestive borgate marine di Marzamemi e Portopalo, nei pressi della quale c’è l’Isola delle Correnti, il punto più meridionale dell’isola e incrocio tra i mari Mediterraneo e Ionio.
  • Nelle vicinanze di Caltagirone, in provincia di Enna, sorge Piazza Armerina, città famosa per i suoi mosaici.
  • L’entroterra regala alcune perle che è consigliabile visitare se si hanno a disposizione più giorni. Ne sono esempio la Valle del Belice, ove sulle rovine del terremoto che colpì Gibellina sorge il Cretto di Burri, il Teatro Andromeda a Santo Stefano di Quisquina, a 1000 metri di altitudine nell’agrigentino, o il Castello di Mussomeli, in provincia di Caltanissetta.

Perché non valutare la possibilità di comprare casa in Sicilia, stabilendo un punto di partenza dal quale visitare tutte queste fantastiche mete senza l’assillo di scegliere cosa vedere in poco tempo?

Cerchi casa in Sicilia? Comprala su Quimmo!

Se vuoi condividere con noi storie, ispirazioni e/o collaborare scrivici a comunicazione@quimmo.it